• 26,934 / 1,364,230
  • 27 / 7,488
  • 5,049 / 54,885

Una decisione istantanea!

Premetto subito che il mondo della body art (comprendente sia piercing che tatuaggi) mi interessa praticamente da sempre, mentre tutte le ragazzine della mia età ancora si sconvolgevano a vedere in giro qualcuno col piercing al naso o (orrore! :P) al sopracciglio, io già da piccola ne ero attratta irresistibilmente..

E così cominciai a farmi forare ripetutamente i lobi in luoghi sempre meno consoni (le tipiche profumerie che frequenti quando i soldi scarseggiano, che ti "sparano" l'orecchino senza neanche fare il gesto di disinfettarlo eccetera.. insomma credo tutti abbiate presente :D), arrivando in breve tempo a 4 fori per ogni lobo e un foro sulla cartilagine (che ha impiegato anni a guarire decentemente), e addirittura un foro alla narice sinistra, sempre col metodo della pistola (sconsigliatissimo!) che i miei genitori mi concessero come unico strappo alla conformità del mio aspetto.

Ma oltre quello, non sono mai andata, ovviamente non per volontà mia, ma per via della mia famiglia dai gusti alquanto borghesotti. E vabbè.

Ma passiamo al racconto del mio nipple, che è il motivo per cui state leggendo qua... :)

Una settimana fa ero a casa del mio ragazzo a Bari (io sono di Napoli ma lui è di lì), e come al solito ero tormentata dall'idea di farmi forare, per la prima volta, da un piercer.. erano molti i piercing che mi interessavano, ma ancora una volta il deterrente principale era il giudizio dei miei genitori. Così una notte, prima di addormentarmi, mi è venuta la folgorazione: perchè non fare i nipple, discreti ed invisibili, ma anche molto graziosi e femminili?

La scintilla era scattata, e nessuno ormai poteva più trattenermi.

La mattina dopo ho comunicato l'idea al mio entusiasta ragazzo, e dopo averlo accompagnato a fare qualche servizio in giro per la città mi ha condotta da un piercer che conosceva..

All'interno abbiamo scambiato due chiacchiere col propietario, gli ho chiesto qualche informazione prima di decidere definitivamente, e scopriamo che in realtà lui fa tatuaggi, la piercer è sua moglie e dobbiamo aspettare una decina di minuti che arrivi.

Mi prendo quindi un pò di tempo per rimuginare sulla mia decisione, che era stata molto impulsiva e frettolosa, ma ormai niente poteva convincermi del contrario: volevo il mio piercing!

Ho deciso di farlo solo al capezzolo destro perchè un pò la paura di un possibile rigetto, un pò il timore di altre complicazioni mi hanno fatto pensare che non fregarmeli tutti e due sarebbe stato meglio.

E così.. torniamo allo studio e chiedo conferma alla piercer delle informazioni che mi ha dato il marito, tra cui costo, possibili complicazioni eccetera..

E vengo sputtanata alla grande davanti a un ragazzo che aveva prenotato un tongue e doveva farlo subito prima di me (preoccupatissimo per il possibile dolore e bianco come un cencio), quando la piercer sbotta in un "Ma smettila di essere così preoccupato, tu non sentirai niente, la ragazza lì che deve farselo al capezzolo è molto più tranquilla di te e farà molto più male".. Io volevo morire :o)

Comunque, la piercer finalmente mi fa entrare nella stanzetta.. il mio ragazzo resta fuori più in ansia di me.

Operazioni di routine, mi levo la maglietta e il reggiseno, la piercer segna i punti di entrata e uscita col pennarello e me li fa controllare, glieli approvo, poi mi stendo, mi mostra l'attrezzatura imbustata che userà..

"Chiudi gli occhi o ti farà impressione" è il suo monito, io obbedisco... Sento le pinze che mi avvolgono il capezzolo e comincio a stringere i denti, l'ago lo attraversa.. Zac! Dopo qualche secondo aprò timorosa gli occhi e la vedo armeggiare con la pallina di chiusura. Ma come, già fatto? Il dolore c'è stato, inutile negarlo, ma assolutamente nulla di insopportabile, è durato qualche secondo ma non è stato troppo intenso...

Mi alzo, con l'umore alle stelle, e me lo rimiro allo specchio soddisfattissima: il mio capezzolo adesso è attraversato da una barretta di acciaio chirurgico :P quasi non ci credevo..

Dopo tutte le indicazioni sull'aftercare e commenti incoraggianti da parte della stessa piercer ("E' venuto proprio bene, senza neanche una goccia di sangue... Sono molto soddisfatta" .. e devi vedere io! :D), mi rivesto e vado incontro al mio ragazzo (che intanto aveva già pagato, è stato un suo graditissimo regalo)...

La guarigione sta procedendo bene, all'inizio ero un pò preoccupata sulla posizione che avrei dovuto assumere dormendo, o per il fatto che il giorno dopo dovevo andare a un concerto e temevo possibile pogo o spintoni.. ma tutto è andato bene.

Ho solo avuto un pò di disagio perchè il capezzolo, gonfiandosi, si stava cicatrizzando attorno alle palline facendo un male incredibile, ma appena me ne sono accorta sono corsa da un piercer qui a Napoli (ero tornata a casa intanto) che mi ha cambiato il gioiello con uno più grande e adesso non ho davvero più problemi.

Inutile dire che a casa non se ne sono accorti minimamente!

E' il mio piccolo segreto di cui vado fierissima e non vedo l'ora di fare il piercing anche all'altro capezzolo.. preferisco essere simmetrica e poi il dolore non è affatto atroce!

Insomma in definitiva lo consiglio a tutte!

Spero che la mia storia sia servita magari a dare coraggio a qualcuno, buon piercing a tutti :)

Details

submitted by: Anonymous
on: 11 Feb. 2008
in Nipple Piercing

Use this link to share:


Artist: Nunzia
Studio: Atipiko
Location: Bari%2C+Italy

Comments (0)

add a comment

There are no comments for this entry

Back to Top